Vuoi dimagrire? Mangia poco e… prima

Per molti pazienti con malattie reumatiche un rigoroso controllo del peso è parte integrante del programma terapeutico. Troppo peso sulle articolazioni significa usura maggiore della cartilagine, limitazione della libertà di movimento e, soprattutto maggior dolore. Dimagrire può rappresentare quindi un imperativo da non dimenticare.

Uno studio del Brigham and Women’s Hospital (BWH) pubblicato sull’International Journal of Obesity dimostra come, per dimagrire, non è importante solo cosa si mangia, ma anche l’ora nella quale il pasto viene consumato. I ricercatori, guidati dal dott. Frank Scheer, hanno esaminato 420 persone in soprappeso, accompagnandole in un programma di dimagrimento di 20 settimane: alcuni consumavano il proprio pranzo prima delle 15:00 (“precoci”), altri dopo (“tardivi”). Durante il pasto veniva assunto il 40% delle calorie totali giornaliere.

Dall’analisi dei dati è emerso che “chi mangia tardi mostra un più lento tasso di perdita di peso e una perdita significativamente inferiore rispetto a chi mangia prima, suggerendo che l’intervallo tra i pasti di grandi dimensioni potrebbe essere un fattore importante in un programma di perdita di peso. Inoltre i “tardivi” mostravano una minore sensibilità all’insulina, importante fattore di rischio per il diabete.

Fonte: www.lastampa.it

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo