I colori giusti possono ridurre l’assenteismo

Che il colore potesse avere effetti sulla salute e sull’umore dell’uomo non è novità, ma, secondo un recente studio, cambiare colore alle pareti può persino migliorare le prestazioni a lavoro e ridurre l’assenteismo del 30%.

Paolo Brescia, color designer e autore della ricerca, spiega che

si è portati a pensare che un ambiente bianco sia più igienico e luminoso, ma è un errore, in quanto sul bianco macchie e imperfezioni risultano più evidenti, per di più, si produce un effetto abbagliante che stanca la vista e rende l'ambiente anonimo e opprimente.

Dai dati ottenuti con l’osservazione di più di 500 lavoratori, gli scienziati hanno infatti concluso che lavorare in uno spazio visivamente uniforme e noioso fa sentire prima la fatica, acutizza le nevrosi e le tensioni tra colleghi. Al contrario, un ambiente vivace e adeguatamente colorato permette di svolgere il proprio lavoro in maggiore armonia, predispone alla socializzazione e stimola creatività e buonumore.

Fonte: Ansa