La malattia cambia la vita

Necessità, bisogni, scadenze, attese, problemi, priorità si riversano a valanga ed aprono nuovi scenari nei quali le aspettative legittime non sempre trovano risposte adeguate.

Ecco allora che ci si accorge di quante ingiustizie inimmaginabili è costellato il percorso della malattia.

Lo scopo di questa sezione è quello di raccogliere le tante piccole e grandi ingiustizie che ci vengono riferite dai pazienti nella speranza che ciò possa costituire un terreno fertile per riflessioni ed interventi che rendano meno penoso il già difficile percorso di vita di chi ha la sfortuna di essere perseguitato da nemici spesso inesorabili.

  • Non vi sia il giusto riconoscimento della invalidità
  • I codici di esenzione per malattia coprano solo in parte e limitatamente le indagini necessarie al controllo della malattia
  • All’ufficio di collocamento propongano, il più delle volte, lavori inaccettabili
  • Si debbano richiedere permessi lavorativi e/o consumare parte delle ferie per le terapie infusionali
  • Manchino le strutture specialistiche
  • Ci siano troppi pochi posti letto
  • Si debba spendere così tanto per fare gli accertamenti periodici
  • Ci sia una così lunga attesa per le visite di controllo e/o per le prime visite
  • Tanti farmaci indispensabili non siano mutuabili