La forma del dolore

Il dolore viene generalmente descritto in termini di intensità, durata, localizzazione e variabilità in rapporto a fattori ambientali. Una dimensione spesso trascurata del dolore è quella della forma. La forma del dolore può essere descritta in modo alquanto eterogeneo, con termini quali: “un punto”, “una linea”, “una striscia”, “una fascia”, “un cerchio”…. Forma ed estensione topografica del dolore sono particolari da non trascurare ai fini diagnostici. Un dolore quasi puntiforme è, ad esempio, quello di una cisti sinoviale, un dolore a fascia può evocare invece la possibilità di un herpes zoster mentre un dolore lineare è quello di una sciatica o di una neuropatia da compressione, come ad esempio la sindrome del tunnel carpale.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo