Le infiltrazioni con acido ialuronico sono efficaci?

La terapia intra-articolare con acido ialuronico ha acquisito una crescente popolarità in ambito reumatologico ed ortopedico.

Questa modalità di trattamento è da ritenersi indicata nei soggetti che risultano intolleranti o “non responder” al paracetamolo, ai FANS o ai cortisonici intra-articolari.

Anche se non vi sono dati che supportino la loro utilità nel modificare la progressione di malattia, vi è un ampio consenso fra gli esperti nel valorizzarne l’efficacia sul dolore e sulla limitazione funzionale.

Così come per i farmaci condroprotettori, anche per l’acido ialuronico intra-articolare i dati della letteratura non forniscono orientamenti univoci.


Le infiltrazioni con acido ialuronico possono essere ripetute, anche se la frequenza ed il numero di trattamenti ottimali non sono ancora stati ben definiti. L’efficacia della terapia intra-articolare con acido ialuronico è ridotta se il processo artrosico è in stadio avanzato di danno anatomico. Per avere la certezza che l’acido ialuronico sia correttamente iniettato all’interno del cavo articolare, il posizionamento dell’ago può essere effettuato sotto guida ecografica. L’ecografia risulta particolarmente utile, se non indispensabile, in assenza di versamento articolare.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo