Quando i tacchi slanciano la gamba ma accorciano i muscoli

Secondo una ricerca realizzato da Marco Narici della Manchester Metropolitan University (Regno Unito) in collaborazione con Robert Csapo dell’Universita’ di Vienna (Austria) e pubblicata sul Journal of Experimental Biology, indossare i tacchi alti per periodi di tempo prolungati può causare un accorciamento delle fibre muscolari e un ispessimento del tendine d’Achille.  Hanno partecipato allo studio più di 80 donne con un’età compresa fra i 20 e i 50 anni, che indossano abitualmente tacchi alti almeno cinque centimetri.

Dopo aver sottoposto le stesse a risonanza magnetica e ad ecografia, i risultati ottenuti non hanno lasciato spazio al dubbio: le donne che utilizzano abitualmente tacchi mostrano un accorciamento delle fibre muscolari del polpaccio del 13% ed un ispessimento significativo del tendine d’Achille.

“Il tendine - spiegano i ricercatori - cerca di compensare l’accorciamento delle fibre muscolari del polpaccio, consentendo alle amanti dei tacchi di camminare in maniera ottimale, ma provocando, però, qualche disagio. Disagio che si acutizza quando indossano le scarpe basse perché, così ispessito, non riesce ad allungarsi a sufficienza”. 

(Fonte: www.asca.it)