Ballare frequentemente è un antidoto naturale contro l'invecchiamento cerebrale

Dopo una serie di studi e ricerche, il New England Journal of Medicine afferma che la danza, oltre ad essere un’attività aerobica dalle mille virtù già note, aumenta le capacità cognitive e aiuta a innalzare una barriera contro il decadimento delle cellule nervose.

  • allena con dolcezza il cuore e il sistema cardiovascolare;
  • aumenta le capacità cognitive ad ogni età
  • rilassa la mente
  • abbassa la pressione arteriosa, se è elevata per stress
  • mantiene l'agilità e la mobilità articolare
  • migliora il tono muscolare
  • dà una spinta vitale allo stile di vita
  • contribuisce a incrementare i rapporti sociali
  • contribuisce al mantenimento della densità ossea, contrastando la vulnerabilità all’osteoporosi che aumenta con l’età
  • allena la prontezza di riflessi, ossia la velocità e competenza con cui il cervello risponde a stimoli esterni
  • riduce lo stress
  • stimola il muscolo a costruire proteine contrattili e il nervo a riparare i danni
  • aumenta i livelli di serotonina nel sangue (con conseguente benessere generale)
  • incrementa le capacità intellettive
  • protegge dalla demenza e dalle malattie degenerative del sistema nervoso
  • è un’attività creativa
  • aiuta a mantenere armonia tra mente e corpo
  • attiva tutte le aree sensoriali: ballare in coppia stimola il contatto fisico, la percezione del profumo dell’altro, la vista (anche delle altre coppie che danzano), mentre la musica accende potentemente non solo le aree uditive, ma anche i centri della memoria e il lobo limbico, che presiede alle emozioni
  • aumenta il senso di benessere fisico ed emotivo
  • migliora la qualità del sonno.

L’effetto benefico a livello cerebrale della danza risulterebbe nettamente superiore rispetto a quello di molte altre attività quali lettura, ciclismo, nuoto, golf.

Fonte: www.alessandragraziottin.itwww.riza.it

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo